Anno 2021

132
Ore
3123
Distanza
31
Attività
28575
Dislivello

immagine altimetrica

Le salite nel giro di oggi
TempoSalita 
0:10':03" San Zeno da Rivarone 1
0:06':54" Dazio da Valle San Bartolomeo 2
0:08':54" Strada Citerna 3
0:07':27" Via del Sabbione 4
0:13':22" Valenza-San Salvatore  
 logo transparentstrava

15/03/2021

  • Distanza 101.96 km
  • Tempo 4:03:59
  • Dislivello 813 metri
  • Bici Blue Sky

“Sulle strade del Piero”

Be giro,
con poca salita ma con i tanti su e giù delle belle e basse colline tra Alessandria e Valenza, un giro senza pretese che nasce pedalata dopo pedalata, in una mattina piena di sole, l’ultima, forse di questa terza settimana di Marzo. Un giro parte del quale, anni fa facevo nella pausa pranzo, limitato a 30-35 km ma sempre sulle colline di Valle San Bartolomeo e Valmadonna, oggi le ho messe tutte assieme: San Zeno, Il Dazio, La Citerna, il Sabbione e in ultimo san Salvatore. Da quest’ultima, volevo continuare verso Lu, Cuccaro e rientro da Fubine e Oviglio ma ero già fuori orario e ho deciso per un rientro attraverso Alessandria.

 

immagine 01
immagine 02
immagine 03
immagine 04
immagine 05

Ho sostato qualche minuto a Rivarone
la nostrana patria delle Cigliegie, dove a qualche chilometro dal apese su una collinetta adiacente alla SP80 Alessandria-Bassignana è stata allestita un’oasi, impropriamente battezzata “Il Cornicione” che nella lingua Italiana sta ad indicare “…una cornice di coronamento degli edifici con funzione di elemento terminale di una facciata di notevole altezza…” mentre in questo caso è riferita alla grande cornice di un quadro fissata alla sommità di un paletto che cambia il suo soggetto o inquadratura a seconda di dove il soggetto osservante si posiziona.

 

JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.

Attorno a questo “Cornicione”
sono sistemate una panchina in ferro, una di legno e due tronchi di quercia posizionati orizzontalmente e spianati sulla parte superiore a mo di tavola. Un altro tronco è in posizione verticale, protetto da un tetto a due spioventi, scavato nel ventre dove è stato posizionato un vecchio armadietto ad un’anta e al suo interno dei libri. Più in la, inchiodata ad un albero, una tavola di legno, una catenella con un paio di occhiali da lettura e la scritta:


“Omaggio a l’Infinito di Giacomo Leopardi, nel bicentenario della sua stesura”

immagine 06
immagine 07
immagine 08
immagine 09
immagine 10

 

L’idea mi pare buona,
la cornice inquadra via via che ci si sposta panorami differenti e se ci si siede sulla panchina, avendo un fotografo a portata di mano, ne vien fuori un bel quadretto. Io oggi ero solo e mi sono limitato a fotografare il paesaggio circostante.
Mentre scrivo, ho un certo dolere ai muscoli delle gambe, segno che quelle basse colline e corte salite alla fine non erano così dolci e leggere come poteva sembrare sul posto.
Se continuo ad andare in bici, finisce che non faccio più nulla nell’orto e questo è un periodo carico di impegni. Forse il meteo si mette in brutto, spero senza pioggia, per ora ma almeno ho la scusa di rimanere a casa a far qualcosa. SEMPREINSELLA!

www.unrandagioinbici.it utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Utilizzando il sito accetti l'impiego di cookie in accordo con la cookie policy di www.unrandagioibici.it.