Anno 2021

132
Ore
3123
Distanza
31
Attività
28575
Dislivello

2017 07 20 faiallo e nuvole lultima salita

Le salite nel giro di oggi
TempoSalita 
0:11':28" San Giacomo 1
0:05':42" Madonna della Villa 2
0:04':52" Colle del Fasciolo 3
0:11':56" Strada San Bernardo 4
1:04':57" Bric Berton da Cassinelle 5
0:19':17" Valico La Carta da bivio Bric Berton 6
0:17':36" Passo della Crocetta da Piana di Badia (Tiglieto) 7
0:05':42" Alpe Garrone da SP41 8
0:11':30" Tagliolo 9
0:18':50" Lerma, Casaleggio Boiro e Mornese da SP170 10
0:23':56" Passo dell'Alpino da SP170 (Monte Lanzone) 11
0:25':51" Capanne di Marcarolo dal Guado del Gorzente 12
1:21':14" Passo del Faiallo da Campo Ligure 13
0:09:39" Passo della Crocetta da bivio Acquabianca (Tiglieto) 14
 logo transparentfotofacebookstrava

06/07/2013    
•    Distanza     323.21 km
•    Tempo        13:17:15
•    Dislivello     3579 metri

20/07/2017
• Distanza 271.40 km
• Tempo 12:20:21
• Dislivello 4334 metri
Rand’Ovada 2017,
bella, l’idea degli organizzatori di inglobare i tre percorsi, l’uno all’interno dell’altro, con difficoltà in crescendo e capolinea sempre ad Ovada, in modo da dare la possibilità ai partecipanti di scegliere se continuare col percorso successivo oppure abbandonare la sfida. Bello, anzi bellissimo il tracciato dei tre percorsi. Partenza tra le vigne dell’Ovadese, passaggio tra i castagni nell’Acquese fino a sconfinare in Liguria. Provincia di Savona con Bric Berton e di Genova con il passo della Crocetta Alpe Garrone e le valli del Latte. Ritorno in Piemonte e passaggio tra le vigne della zona di Lerma e Mornese. Attacco al passo dell’Alpino, discesa al guado del Gorzente con risalita al Sacrario della Benedicta ed a Capanne di Marcarolo. Discesa a Campo Ligure e risalita al Passo del Turchino, per affrontare l’ultima dura salita, quella dell’imprevedibile Passo del Faiallo. Discesa fino a vara Superiore, Acquabianca e ancora Tiglieto ed il passo della Crocetta per la seconda volta. Finalmente è finita, discesa sulla larga e velocissima strada della val Gargassa, fino a Rossiglione dove imboccata la ex SS456 del Turchino si arriva ad Ovada dove la corsa si conclude.

JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.

Percorso Corto: 50 km e circa 500 metri D+
Si parte da Ovada, Piazza XX Settembre,percorrendo la SP185in direzione di Predosa. Io per ragioni logistiche, arrivando da Casal Cermelli mi sono avvicinato al percorso dalla opposta direzione, senza arrivare fino al punto di partenza. Incrocio il percorso già a Predosa ma proseguo fino al primo punto più vicino alla partenza, Schierano. Il percorso corto, compie un ampio giro sulle colline a Sud di Ovada, passando per vigneti e campi coltivati, su strade tranquille e di poco traffico. Affronta corte salite con strappi anche duri ma alla portata di tutti. San Giacomo, Cascina Vecchia, Madonna della Villa e Gaggina e dopo il passaggio in Predosa, la Strada Val Lemme con lo strappo del Colle di Fasciolo, ben 192 m.s.m. La successiva discesa, passando per Silvano d’Orba, avvicina Ovada e con essa il primo traguardo.
Qui si potrà decidere se proseguire per il secondo percorso.

2107 07 20 faiallo e nuvole l ultima salita 01
2107 07 20 faiallo e nuvole l ultima salita 02
2107 07 20 faiallo e nuvole l ultima salita 03
2107 07 20 faiallo e nuvole l ultima salita 04
2107 07 20 faiallo e nuvole l ultima salita 05



Percorso Medio: 120 km e circa 2000 metri D+
Chi vorrà continuare, dovrà affrontare la salita San Bernardo, che unisce a SP204 della Priarona con la SP200 Ovada-Rivalta, 3.6 km, pendenza media 5% (Strava). Io non l’avevo mai fatta e sono rimasto affascinato dalla bellezza del paesaggio che la circonda. Si prosegue per Trisobbio e passando sulla strada del centro sportivo si raggiunge Cremolino. Ancora giù per la ex SS456 del Turchino in direzione Molare ed al bivio per Cassinelle, si svolta a destra su via Pobbiano, breve discesa con un paio di curve secche e si risale al successivo bivio per Grognardo, svoltando a destra sulla SP205 Molare-Visone. Qui, iniziano i 18 chilometri che vedranno la vetta del Bric Berton, caratterizzati da tanti mangia e bevi, il ripido segmento all’inizio della SP208 Cassinelle-Cimaferle con punte di pendenza superiori al 13% e ancora mangia e bevi che proseguono sulla SP210 Acqui-Palo. Siamo nel Comune di Ponzone, si attraversano i centri abitati di Abbasse, Piancastagna e Moretti, due le fontane su questa strada, la prima dopo la frazione Mongorello, rimane nascosta sotto riva a destra, la seconda più comoda anche se con acqua meno fresca, si trova appena dopo Moretti nell’area attrezzata per picnic.
Breve discesa e attaccala corta e semplice salita al Bric Berton, nulla di eccezionale 1.2 km al 6% medio. Siamo in Liguria, in provincia di Savona e molta attenzione, dovrà essere dedicata alla ripida discesa verso il bivio per sassello. Alcuni punti della strada sono ricoperti dagli aghi dei pini marittimi e la rendono scivolosa.
Al bivio, si svolta a sinistra, per Palo ed inizia la salita verso la Carta, 4.7 km al 3.5, max. 7.11%, superata la quale si scende verso Urbe e Martina Olba, entrando nella provincia di Genova. Si prosegue sempre in discesa, spezzata da corti strappi fino a Piana di Badia, che da inizio alla salita verso il Passo della Crocetta, 4.25 km. al 5.13% medio con punte del 7.03%, salita abbastanza semplice, scollinata la quale si scende in Val Gargassa, verso Rossiglione, seguendo l’ampia SP64 fino al bivio per Garrone. Qui, dopo una svolta secca a sinistra si affrontano 1190 metri della salita all’Alpe di Garrone con punta massima dell’11.73% e media  prossima al 7.4%. Siamo nelle valli del latte e in lieve discesa alternata a duri strappi si prosegue per Costa d’Ovada, lo stradale per Molare e raggiunta piazza XX Settembre, anche il percorso medio è terminato.

2107 07 20 faiallo e nuvole l ultima salita 06
2107 07 20 faiallo e nuvole l ultima salita 07
2107 07 20 faiallo e nuvole l ultima salita 08
2107 07 20 faiallo e nuvole l ultima salita 09
2107 07 20 faiallo e nuvole l ultima salita 10

Percorso Lungo: 200 km e circa 3000-4000 metri D+
L’ascesa a Tagliolo è corta e semplice, seguita dai su e giù di Lerma, Casaleggio Boiro e Mornese ma ora c’è l’Alpino, 4.7 km al 7% medio e le gambe potrebbero essere stanche. Dopo questa ci sono ancora quattro salite e conviene risparmiare le forze.  Scollinato il Monte Lanzone si scende verso il bivio Eremiti, poi in leggera discesa e con qualche dolce strappo ecco il Gorzente e si sale ancora per 4.5 km al 7.4% fino a Capanne di Marcarolo. Finalmente un po’ di fiato. Discesa fino a Campo Ligure, dove chi è cotto, potrebbe avere la tentazione di svoltare a destra e porre fine al martirio. Per chi ce l’ha duro, la svolta a sinistra da inizio alla lunghissima salita che vede come prima vetta il Passo del turchino e poi il Faiallo. In totale sono 18.5 km al 4.7%, ma quelli duri sono gli ultimi 11 della scalata al Faiallo. Ora si scende nella valle dell’Orba e proseguendo per Piana di Badia si affronta per la seconda volta il passo della Crocetta già fatto nel percorso medio. Poi è finita e si arriva ad Ovada senza dare un colpo di pedale o quasi.


Io partendo da casa, ho intercettato il percorso corto al bivio di San Giacomo e da li ho proseguito passo, passo sui tre giri da e per Ovada, concludendo ancora sul tratto di percorso corto che non avevo fatto all’andata. Tante fotografie su questo bel percorso in una giornata gradevole con poco sole, senza vento, nuvole basse come di consueto nella scalata al Faiallo. Qualche sosta per rifornirmi d’acqua e nei pressi di Palo, osservando un branco di caprette mi sono accorto che un cucciolo era rimasto impigliato nella rete di recinzione. Trovata l’abitazione del proprietario, che si è precipitato a liberarlo. Paesaggio stupendo, percorso stupendo che si correrà all’otto di ottobre con partenza alla francese. Forse ci sarò anch’io ma farlo tutto sarà difficile. SEMPREINSELLA!

www.unrandagioinbici.it utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Utilizzando il sito accetti l'impiego di cookie in accordo con la cookie policy di www.unrandagioibici.it.