Anno 2021

132
Ore
3123
Distanza
31
Attività
28575
Dislivello

immagine altimetrica

Le salite nel giro di oggi
TempoSalita 
0:16':05" Casalotto - Gianola 1
0:04':44" Costigliole da Salere 2
0:08':34" San Martino Alfieri da ponte Tanaro 3
0:06':50" Tonco 4
0:08':34" Perrona 5
0:04':54" Franchini 6
 logo transparentfotofacebookstrava

19/04/2017

  • Distanza 253.21 km
  • Tempo 10:01:27
  • Dislivello 2376 metri

Guardando l’altimetria del percorso,
sembra un giro molto movimentato, con pochissima pianura e tanti sali e scendi ed in effetti c’è stato movimento, soprattutto nella parte del rientro, dove attraversando parte del Basso Monferrato, si sono affrontate una decina tra, corte salite, strappi e collinette. Concepito per l’allenamento di Sara, che è fermamente intenzionata a correre ancora, la Gran Fondo di Brà e per Gran Fondo, si intende chiaramente quella di 160 chilometri, specifico perché molti ciclisti appassionati di queste manifestazioni, amano vantarsi nei loro post o altri simili in rete, di aver partecipato alla GF mentre invece si sono limitati al percorso ridotto di Medio Fondo. Tanto di cappello, hanno comunque fatto una gara dura ma non la Gran Fondo.

immagine 01
immagine 02
immagine 03
immagine 04
immagine 05

Dove ero rimasto?
A si al fatto che il giro sia stato concepito come allenamento per far si che Sara possa arrivare in fondo alla corsa senza dover soffrire troppo, quindi si è voluto appositamente esagerare con la distanza portare l’altimetria il più vicino possibile a quella reale della gara. La meta di destinazione primaria è stato Colle Don Bosco, per raggiungerlo, ci siamo avvicinati all’Astigiano scendendo a Nizza Monferrato da Gianola, proseguendo per Cosltigliole. A Motta, visita di cortesia all’amica Marina, che ci ha dato indicazioni preziose su alcuni luoghi e salite della zona.

 

JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.

Proseguiamo verso San Martino Alfieri,
con visita velocissima al centro e un piccolo incidente. Sono caduto da fermo come una pera cotta, mentre su una strada con buona pendenza, cercavo di risalire in bici. Nulla di grave, solo un ginocchio ammaccato e sanguinante.
Ripartiamo per Ferrere,
strada un po’ trafficata ma scorrevole, poi San Grato, Pralormo, Poirino, Riva presso Chieri e finalmente Colle don Bosco.

immagine 06
immagine 07
immagine 08
immagine 09
immagine 10

Nel viaggio di ritorno
erano previsti circa 86 chilometri ma per problemi legati ad una lettura errata dei dati forniti dal navigatore si è terminato in giro con circa venti chilometri in più. Caduta di Sara, anche lei da ferma e per le stesse ragioni per le quali sono caduto io, qualche livido e ammaccatura ma niente di più. Rientro come dicevo molto movimentato con tanti su e giù tra le bellissime colline del Monferrato.
Una nota dolente,
che ha caratterizzato il tratto iniziale del giro è stata la desolante veduta dei vigneti nella zona di Nizza M.to, letteralmente bruciati dalle gelate notturne di questi ultimi giorni, gran parte della produzione di uve di quest’anno è compromessa irrimediabilmente. Peccato.

 

www.unrandagioinbici.it utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Utilizzando il sito accetti l'impiego di cookie in accordo con la cookie policy di www.unrandagioibici.it.